Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Pubblicato: 07/05/2016

Dipendenti fantasma, truffa all'Inps

Raggiro da oltre 300.000 euro: denunciati il titolare di un'impresa agricola di Tortorici e 66 falsi braccianti

MESSINA - I militari della Guardia di Finanza di Capo d'Orlando, coordinati dalla Procura della Repubblica di Messina, hanno denunciato per truffa ai danni dell'Inps il titolare di un'impresa di Tortorici (Me) operante nel settore agricolo e i relativi lavoratori dipendenti "fantasma", i quali avevano indebitamente percepito prestazioni previdenziali e assistenziali, erogate in assenza dei requisiti previsti dalle normative vigenti in materia.

I finanzieri hanno accertato, dopo alcuni mesi d'indagine, che l'azienda agricola, a partire dal 2008, aveva raggirato l'ente previdenziale presentando documentazione falsa e attestazioni non veritiere, ottenendo la liquidazione di somme relative a indennità di disoccupazione, malattia, maternità e assegni familiari, per un importo superiore a 300mila euro.

Dalle indagini è emerso, in particolare, che il titolare della ditta aveva dichiarato il pascolo di animali che in realtà non possedeva, al solo fine di far risultare l'esistenza di giornate-lavoro mai prestate da soggetti compiacenti, con l'obiettivo di beneficiare delle previste erogazioni. I braccianti venivano assunti e licenziati nello stesso anno, requisito minimo per poter percepire diversi contributi previdenziali, tra cui le indennità di disoccupazione.

I controlli hanno permesso di scoprire in tutto 65 rapporti di lavoro simulati, per un totale di oltre 11mila giornate lavorative fittizie. Il titolare dell'azienda e i falsi braccianti agricoli sono stati deferiti all'Autorità Giudiziaria per i reati di truffa aggravata ai danni dello Stato e falsità ideologica commessa da privati in atto pubblico, finalizzati all'indebita percezione di erogazioni pubbliche.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.