Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 21 ottobre 2017

Pubblicato: 16/04/2016

Confisca ai parenti di Messina Denaro

Sequestrati beni per un milione di euro a Filippo Guttadauro e ai figli Francesco e Maria, rispettivamente cognato e nipoti del boss latitante

PALERMO - Beni per un valore di circa un milione di euro sono stati confiscati dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Trapani a Filippo Guttadauro e ai figli Francesco e Maria, rispettivamente cognato e nipoti del boss latitante Matteo Messina Denaro. La confisca riguarda un bene immobile, rapporti bancari e società.

Il provvedimento si inquadra nell'ambito del procedimento di prevenzione avviato dal Questore di Trapani nel 2013 anche nei confronti dei titolari del gruppo imprenditoriale Niceta di Palermo, che opera tra l'altro nel settore della commercializzazione di abbigliamento, calzature, preziosi e pelletteria.

Secondo gli investigatori i Niceta avrebbero rappresentato occultamente, in provincia di Trapani, gli interessi economici di esponenti di primo piano del mandamento mafioso di Castelvetrano.

In particolare attraverso il trasferimento fraudolento di attività economiche da parte di Filippo Guttadauro e dei figli agli imprenditori palermitani con l'attribuzione fittizia di società e relativi punti vendita presso il centro commerciale "Belicittà" di Giuseppe Grigoli.

Quest'ultimo è stato condannato per mafia perché ritenuto uomo di fiducia e "cassiere" di Matteo Messina Denaro. Nei confronti degli imprenditori Massimo, Piero e Olimpia Niceta è stato instaurato un analogo procedimento dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.