Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 23 giugno 2017

E' morto Casaleggio, guru del M5s
I deputati siciliani: 'Lotteremo per lui'

Milano. E' stato il fondatore del movimento con Grillo. Il messaggio sul blog: "Gianroberto ha combattuto fino all'ultimo"

MILANO - Gianroberto Casaleggio, fondatore con Beppe Grillo del Movimento 5 Stelle è morto a Milano. Secondo quanto si è appreso, Casaleggio era ricoverato in una struttura dell'istituto Scientifico Auxologico. La notizia è stata confermata da ambienti del M5s, del suo studio 'Casaleggio Associati' e da fonti sanitarie. Nell'aprile del 2014 Casaleggio era stato operato di urgenza per un edema al cervello al Policlinico di Milano.

"Questa mattina è mancato Gianroberto Casaleggio, il cofondatore del Movimento 5 Stelle. Ci stringiamo tutti attorno alla famiglia. Gianroberto ha lottato fino all'ultimo", si legge in un post sul blog di Beppe Grillo, nel quale figura anche un passaggio della lettera al Corsera: "Sono un comune cittadino che con il suo lavoro e i suoi (pochi) mezzi cerca, senza alcun contributo pubblico o privato, forse illudendosi, talvolta anche sbagliando, di migliorare la società in cui vive".

Anche i deputati del Movimento 5 stelle all'Assemblea regionale siciliana gli hanno dedicato un ricordo. "Gianroberto - dicono i parlamentari - ha sempre lottato per migliorare la società, cosa che noi continueremo a fare, come prima e più di prima. Sarà il miglior modo per omaggiare la sua memoria".







Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.