Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 27 febbraio 2017

Pubblicato: 07/04/2016

Istigazione al terrorismo, 3 indagati

Operazione della polizia postale di Catania: perquisizioni a Siena, Torino e Reggio Emilia. Le persone coinvolte erano collegate tra loro tramite i social network

CATANIA - Tre persone che 'condividevano l'ideologia dello stato islamico del Califfato', collegati tra loro tramite social network, sono indagate dalla Procura distrettuale di Catania per istigazione ad atti di terrorismo tramite internet.

Agenti della polizia postale hanno eseguito perquisizioni a Siena nei confronti di un impiegato 37enne, con precedenti di polizia per spaccio di stupefacenti, atti persecutori e ricettazione; a Torino a uno studente marocchino di 20 anni; e a Reggio Emilia a un 33enne, con precedenti di polizia per associazione finalizzata ad atti di terrorismo, reati di resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale, amministratore del gruppo Facebook "Musulmani d'Italia".

Le indagini sono state avviate dal compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania, con il coordinamento del Servizio Polizia Postale di Roma, in seguito al monitoraggio della Rete finalizzata al contrasto del terrorismo internazionale. L'odierna operazione si inserisce nel più ampio contesto della intensificata attività antiterrorismo condotta dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni a partire dall'autoproclamazione dello Stato Islamico del giugno 2014.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.