Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 22 agosto 2017

Pubblicato: 06/04/2016

Traffico di esseri umani: 2 arresti

Palermo: convalidato il fermo per gli scafisti bloccati lo scorso 1 aprile durante lo sbarco di 362 migranti. Farebbero parte di una vasta organizzazione criminale

PALERMO - Il gip Maria Pino, su richiesta del pm Daniela Varone, ha convalidato il fermo dei due scafisti, Ibirmi Abubusi di 32 anni del Ghana e Omaru Samateh di 22 anni del Gambia, bloccati da agenti della Squadra mobile della Polizia di Stato e dalla Guardia di finanza lo scorso 1 aprile in occasione dello sbarco nel porto di Palermo della nave della Marina militare Chimera con a bordo 362 migranti soccorsi in acque internazionali, nell'ambito delle operazioni "Mare sicuro - Stretto di Sicilia".

I due, accusati di favoreggiamento all'immigrazione clandestina, sono stati rinchiusi nel carcere Pagliarelli.

Gli investigatori hanno individuato i presunti scafisti attraverso filmati e immagini raccolte a bordo della nave e grazie alle dichiarazioni di alcuni migranti. I due stranieri, secondo gli investigatori, appartengono a una più ampia e violenta struttura organizzativa criminale, dedita al traffico di esseri umani.

Dalle indagini è emerso un tragico spaccato di prevaricazioni e sofferenze patite dai migranti, sia nelle fasi preparatorie sia durante il viaggio per raggiungere le coste italiane: dalla segregazione sotto vigilanza armata all'interno di una fattoria nell'entroterra di Sabrata nella Libia occidentale, a circa due miglia dalle spiagge, fino al trasbordo sui gommoni utilizzati per la traversata, in condizioni precarie e stretti uno sull'altro.

Anche dopo la partenza dalla spiaggia, per un paio d'ore e comunque fino all'avvistamento in lontananza della motonave dei soccorsi, i gommoni sarebbero stati seguiti da altre imbarcazioni con uomini libici armati. Per ogni viaggio, ciascun migrante è stato costretto a versare ai trafficanti 3.500 dinari libici, poco meno di 2.500 euro.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.