Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 24 maggio 2017

L'aliscafo più grande del mondo
collegherà Trapani e Pantelleria

L'imbarcazione realizzata dalla Ustica Lines, con un investimento di sette milioni di euro, potrà trasportare 350 passeggeri

TRAPANI - Collegherà Trapani a Pantelleria, a partire da giugno, l'aliscafo più grande del mondo, interamente costruito nei cantieri di Trapani della Ustica Lines, inaugurato stamani dall'armatore Ettore Morace alla presenza del governatore della Sicilia Rosario Crocetta e dell'assessore regionale sui trasporti Giovanni Pistorio. L'aliscafo, realizzato in due anni tra progettazione e costruzione, ospiterà 350 passeggeri in quattro saloni differenti. Ustica lines ha investito 7 milioni di euro, parte dei fondi sono comunitari.

"La concezione moderna delle ali - dice Morace - consente al mezzo veloce di poter affrontare il mare con un grado di confort per i passeggeri mai raggiunto prima d'ora. Una innovazione totale nel modo di concepire i mezzi veloci che si traduce in maggiore silenziosità, grazie a pannelli realizzati con materiali moderni e fonoassorbenti, maggiore sicurezza e massimo confort".

Il Gianni M, il nome dell'aliscafo, raggiunge una velocità di 35 nodi e monta due motori caterpillar da 3.000 cavalli. Il mezzo è certificato come rispondente a tutti i requisiti internazionali di sicurezza. Alla costruzione hanno contribuito circa 100 maestranze. A tagliare il nastro durante la cerimonia per il varo dell'aliscafo Gianni M è stato il vice ministro delle infrastrutture Simona Vicari.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.