Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 01 luglio 2016

Pubblicato: 09/03/2016

La salma di Failla oggi in Italia

Il corpo del tecnico siciliano ucciso in Libia atteso nel pomeriggio a Roma. Il legale della famiglia: "Si sta speculando sul dolore"

ROMA - Slitta ancora il rientro in Italia delle salme di Salvatore Failla e Fausto Piano. Uccisi il 2 marzo probabilmente dal fuoco 'amico' aperto dalle milizie di Sabrata contro la colonna dei rapitori che si stava spostando, i corpi dei due tecnici della Bonatti erano attesi ieri sera a Ciampino ma saranno rimpatriati solo oggi.

"Non hanno lasciato Tripoli ieri sera perché doveva essere rispettata una procedura legale. Si spera lascino Tripoli mercoledì pomeriggio", ha annunciato un portavoce del governo insediato nella capitale libica, Jamal Zubia, quando allo scalo romano si stava ormai approntando l'accoglienza.

Insomma, dopo essere rimasti per giorni 'prigionieri' della burocrazia e delle richieste di riconoscimento politico che arrivano dalle autorità della città come dal Governo di Tripoli, l'odissea non è ancora finita.

"Il ritardo, imposto dalle autorità libiche, al rientro delle salme è vergognoso", ha affermato l'avvocato Francesco Caroleo Grimaldi, legale della famiglia di Salvatore Failla. "Si sta speculando - aggiunge il penalista - con ferocia sul dolore delle famiglie che sono in attesa a Roma. Sappiamo che le salme sono ancora a Tripoli e che i nostri funzionari stanno facendo di tutto per accelerare le pratiche e riportare in Italia i corpi di Salvatore e Fausto".

A raccontare lo stato delle cose era stato il sindaco di Sabrata, Hussein Al-Zawadi. I cadaveri degli italiani, aveva spiegato, sono ancora nella cittadina di Surman, dove è avvenuto lo scontro, "devono essere consegnati a Tripoli al procuratore generale e, se tutto andrà come previsto, saranno a Tripoli a mezzogiorno. Come di norma in questi casi - ha aggiunto - i corpi dovrebbero essere stati sottoposti a un'autopsia e dovrebbe esserci una perizia che li accompagna e che deve essere trasmessa al Procuratore generale per allegarla ai documenti dell'inchiesta".

Anche il ministro degli Esteri del Governo di Tripoli, Ali Ramadan Abuzaakouk, intervistato dal Corriere, ha sostenuto che l'autopsia completa a Tripoli "è necessaria per le nostre leggi". Proprio quello che le autorità italiane hanno puntato ad evitare. Da qui gli sforzi diplomatici per fare in modo che i corpi siano consegnati integri, così che siano i medici legali di Roma a fare gli esami e verificare come sono stati uccisi e da che tipo di pallottole. Richiesta peraltro in linea con quelle delle famiglie.

La procura romana ha affidato all'Istituto di medicina legale del Policlinico Gemelli l'autopsia. I due corpi saranno sottoposti ad accertamento radiologico e alla Tac, esami considerati utili per individuare la tipologia e la traiettoria dei proiettili e chiarire quanto accaduto al di là delle varie versioni filtrate da Sabrata.

Inutile dire che il momento non è dei migliori per ottenere qualcosa dalla Libia. Mentre imperversano i 'rumors' su possibili interventi militari nel Paese nordafricano e oggi è arrivata una nuova fumata nera da Tobruk sul sì al Governo di unità nazionale, l'esecutivo 'rivale' di Tripoli non manca di usare ogni elemento per far pesare il suo ruolo e ottenere riconoscimenti politici da parte della comunità internazionale occidentale, Italia compresa, che si è dall'inizio schierata con Tobruk. E

cco, quindi, che anche una vicenda come quella degli ostaggi italiani finisce in un gioco più grande da affrontare evitando cedimenti, ma anche bracci di ferro. Il punto di equilibrio è sottile: il ritorno dei due ostaggi vivi è stato più veloce di quanto temuto, ma gli ostacoli sono stati poi messi sulla consegna delle salme. E non c'è solo Tripoli da considerare, ma anche l'autorità di Sabrata, le cui milizie hanno sferrato l'attacco ai sequestratori che ha causato anche la morte di Piano e Failla.

Una concatenazione di autorità, interessi e richieste che continua a ritardare il rientro dei corpi. Fino ad arrivare allo slittamento di stasera, quando sembrava ormai tutto fatto per il rimpatrio, tanto che - a quanto si apprende - le autorità tripoline si sono fatte fotografare con gli italiani al momento della consegna per 'dimostrare la loro amicizià con Roma.

Non sono mancate, come sempre avviene, le polemiche sull'ipotesi che sia stato pagato un riscatto. La posizione ufficiale italiana è che non ci sia stato alcun pagamento. Naturalmente, come per ogni rapimento, si cerca di avviare una trattativa con chi ha in mano gli ostaggi e il punto di partenza sono di norma le sue richieste. Che possono essere denaro, ma non solo. Come è stato sperimentato negli ultimi giorni.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.