Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 22 gennaio 2017

Pubblicato: 08/03/2016

Preso spacciatore latitante

Arnaldo Santoro, legato al gruppo santapaoliano di San Cocimo, era sfuggito all'operazione antidroga Kiss. E' stato rintracciato in una villetta di Siracusa

CATANIA - Il latitante Arnaldo Santoro, 39 anni, ricercato dal 12 gennaio scorso perché sfuggito all'operazione antidroga Kiss è stato arrestato dalla polizia di Stato.

Il blitz della squadra mobile era stato eseguito in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di sette persone accusate di traffico di sostanze stupefacenti, con l'aggravante di avere favorito il clan mafioso Santapaola-Ercolano.

Le indagini, coordinate dalla Dda della Procura, erano state condotte dalla sezione Criminalità organizzata della squadra mobile, erano state avviata nel maggio del 2014 dopo il sequestro di 260 chilogrammi di marijuana.

Il gruppo, che secondo l'accusa gestiva una piazza di spaccio, era vicino alla 'famiglia' Nizza, appartenente al clan Santapaola-Ercolano, e in particolare alla squadra di San Cocimo, che storicamente fa riferimento a Maurizio Zuccaro, di 55 anni, attualmente detenuto.

Santoro, ritenuto il promotore del traffico di droga, si nascondeva in una villetta di contrada Arenella, a Siracusa. All'arrivo degli agenti il latitante ha tentato la fuga lanciandosi da una finestra, ma l'immobile era stato 'cinturatò e l'uomo è stato bloccato. Dopo l'arresto è stato condotto nella circondariale di Bicocca, a Catania.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.