Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 24 agosto 2016

"Trasferimenti alla Regione
chi si oppone sarà licenziato"

Crocetta annuncia lo spostamento dei primi trenta dipendenti alla Formazione: "E' ora di smetterla con l'anarchia"

PALERMO - Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, ha inviato una nota al segretario generale per avviare l'intervento sostitutivo, già disposto da Patrizia Monterosso, per il trasferimento dei 30 dipendenti da assegnare alla Formazione professionale.

I primi undici hanno già preso servizio, per gli altri 19 non è stato ancora chiarito se i dipendenti non abbiano ottemperato o siano stati i direttori generali che hanno impedito di notificare i provvedimenti. Per entrambi scattano le contestazioni di addebito per la mancata esecuzione di un provvedimento deciso dalla giunta.

"Entro una settimana dovranno essere tutti alla formazione. Chi non ottempera rischia anche il licenziamento - dice Crocetta - È ora di smetterla con l'anarchia, attraverso la quale ognuno decide all'interno dell'amministrazione regionale cosa fare. I dipendenti devono essere utilizzati in relazione all'utilità e alle esigenze degli uffici. Nei prossimi giorni ci sarà un ulteriore provvedimento per il trasferimento di 14 dipendenti al servizio liquidazione della ragioneria, in modo tale - conclude Crocetta - che si possano accelerare le procedure per la liquidazione delle partecipate non strategiche della Regione".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.