Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 01 ottobre 2016

Ars, gruppo misto parsimonioso
restituisce 70.000 euro di fondi

Il presidente Fazio ha deciso di rimettere nella casse dell'Assemblea regionale il denaro assegnato e non speso: "Reinvestirlo sarà più utile"

PALERMO - Il gruppo misto ha restituito all'Ars 70 mila euro, risparmiati sull'ammontare dei fondi assegnati e che il presidente del gruppo, Girolamo Fazio, ha deciso di rimettere alle casse dell'Assemblea per un loro più utile utilizzo.

Nella nota firmata da Fazio e inviata al presidente Giovanni Ardizzone e al segretario generale Fabrizio Scimè, si legge che il gruppo, sin dall'inizio della legislatura, ha effettuato cospicui risparmi, gestendo in modo oculato e parsimonioso le somme accreditate per il funzionamento del gruppo, assicurando comunque i servizi previsti.

Fazio aggiunge anche che sarebbe antieconomico lasciare depositata sul conto corrente la somma senza che venga utilizzata mentre se riaccreditata all'Ars, quest'ultima sicuramente la reinvestirà conseguendone una maggiore utilità.

"La mia idea di amministrazione, sviluppata prima da imprenditore e poi nella decennale esperienza di sindaco di Trapani, è quella del pater familias - afferma Fazio -. Lasciare denaro pubblico inutilizzato nelle casse dell'istituto di credito tesoriere sarebbe stata una colpevole trascuratezza, quindi ho deciso per la restituzione".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.