Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 25 marzo 2017

Pubblicato: 07/03/2016

Giornate iblee per prevenire la sorditÓ

Nuccio Sciacca / 
Screening gratuito tutti i sabato del mese di marzo con un progetto Asp-Lions Ragusa Host

Il 12% della popolazione italiana, circa otto milioni di persone, soffre di disturbi uditivi, più di mezzo milione le persone adulte con sordità grave invalidante e conseguente handicap di rilevanza sociale; oltre mille i bambini che nascono ogni anno con sordità congenita e quindi tale da ostacolare gravemente lo sviluppo e l’uso del linguaggio, l’integrazione nella scuola e nella società.

Con l’intento di prevenire la sordità è cominciato sabato 5 marzo, e proseguirà per tutti i sabato del mese di marzo, lo screening dell’udito. Un servizio gratuito, senza necessità di richiesta del medico di famiglia, che consiste in un’otoscopia più un esame audiometrico. Un progetto che mette a disposizione risorse umane e apparecchiature a favore di un numero contingentato di pazienti richiedenti, soprattutto a favore delle persone indigenti, individuate dal Servizio sociale del Comune.

Scopo del progetto è quello di sensibilizzare la popolazione iblea alla prevenzione e alla consapevolezza della sordità. Il progetto è stato realizzato in condivisione con il Club Service Lions Ragusa Host e l’Asp di Ragusa. La conduzione dello screening è affidata all'Unità Operativa Complessa di Otorinolaringoiatria diretta dal dottor Vincenzo Calabrese presso le sedi operative dell’ospedale “M. Paternò Arezzo”, dell’ospedale “Maggiore” di Modica e dell’ospedale “Regina Margherita” di Comiso.  

Le visite saranno effettuate dalla dottoressa Letizia Gerotti, audiologo e dal dottor Emanuele Tidona, audiometrista. Allo scopo di offrire un servizio migliore agli interessati e in considerazione dei tempi occorrenti per eseguire l’esame, sono disponibili 15 posti; viene, pertanto, richiesta la prenotazione chiamando il sig. Salvatore La Perna, infermiere, al numero: 3207690863.






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.