Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 07 dicembre 2016

Tagli agli enti, 600.000 euro in meno per il Bellini


PALERMO - L'Ars ha approvato la norma della finanziaria (art. 22) per i contributi a enti, fondazioni, associazioni, con l'allegato 1 per 311 milioni di euro. Rispetto all'anno scorso i contributi sono stati tagliati di circa 22 milioni di euro.

La norma assegna 10 milioni all'Irsap, 4,9 milioni all'Istituto regionale della vite e del vino, 2,3 milioni al Ciapi di Priolo, 13,9 milioni agli enti parco e ai gestori delle riserve naturali con un taglio di 300 mila euro rispetto all'anno scorso, 12,4 milioni al Teatro Bellini di Catania (-600 mila euro), 12,9 milioni all'Ente di sviluppo agricolo (-700 mila euro), 3,7 milioni al teatro di Messina, 2,05 milioni all'Istituto zootecnico, 2,02 all'Istituto ippico di Catania (+ 200 mila euro), 7,9 alla Foss (-500 mila euro), 6,6 al teatro Massimo (-400 mila euro), 12,5 agli Ersu (-700 mila euro).

E ancora: 787 mila euro a Taormina arte (-41 mila euro), 268 mila euro alle Orestiadi di Gibellina (-14 mila euro), 14,3 milioni ai Comuni per le spese di ricovero di minori disposto dall'autorità giudiziaria, 11,5 milioni per le comunità alloggio, 7,5 per il fondo unico per lo spettacolo. Confermati i finanziamenti per le vittime di mafia: 435 mila euro alle associazioni antiracket, 113 mila euro per il fondo di solidarietà alle vittime del racket, 255 mila euro per le assunzioni di familiari di vittime di mafia.

Nell'elenco di enti, fondazioni, associazioni e istituzioni c'è chi rimane a secco, rispetto a quanto aveva ricevuto l'anno scorso. Nessun finanziamento per Consorzi di garanzia fidi per il concorso agli interessi delle operazioni finanziarie (persi 645 mila euro), il centro di formazione per la polizia municipale (30 mila euro), per il buono scuola (l'anno scorso 1 milione), per i centri si recupero e primo soccorso della fauna selvatica (era 70 mila euro), per le spese di istituzione di parchi regionali e riserve naturali (60 mila euro nel 2015).




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.