Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 30 settembre 2016

Pubblicato: 19/02/2016

"Entro il 2018 assunti 11.000 prof"

Scuola siciliana. Il sottosegretario Faraone: "Più di 4.000 entreranno grazie al concorso che il Miur bandirà nei prossimi giorni"

PALERMO - In Sicilia oltre 11 mila docenti saranno immessi in ruolo entro il 2018 per effetto della riforma della scuola voluta dal governo Renzi. A renderlo noto è il sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone.

Con il piano straordinario delle assunzioni nell'Isola sono stati inseriti stabilmente nelle scuole 7.541 insegnanti, mentre altre 4.109 assunzioni sono previste in Sicilia grazie al concorso che il Miur bandirà nei prossimi giorni, dice Faraone.

"Quattromila docenti giovani e abilitati entreranno in ruolo in Sicilia grazie al concorso previsto da #labuonascuola che bandiremo a breve - assicura il sottosegretario - che sommati a quelli assunti a settembre scorso fa un totale di 11.650 professionisti".

Si tratta di "docenti che hanno detto addio a un precariato che definirlo storico è un eufemismo - prosegue - e che stanno dando finalmente stabilità alla didattica delle nostre scuole. In un momento di stagnazione economica come quello che stiamo vivendo, è un'operazione di importanza fondamentale e strategica per il territorio".

"Gli istituti siciliani adesso - conclude Faraone - hanno risorse professionali ed economiche per svolgere le proprie attività in maniera programmata, creativa, corrispondente alle esigenze degli studenti. Queste 11 mila assunzioni entro il 2018 si traducono in tempo pieno, scuole aperte in orario extracurricolare, laboratori e attività didattiche opzionali".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.