Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 26 agosto 2016

"Nord Africa, ddt nei prodotti agricoli"

Interrogazione Ue dell'europarlamentare Pogliese: "Marocco e Tunisia usano prodotti banditi da molti anni in Europa"

CATANIA - "L’invasione di prodotti agricoli dal Nord Africa, oltre a costituire un danno per i nostri produttori, rappresenta un rischio per la salute dei cittadini". La denuncia arriva dall'eurparlamentare di Forza Italia-PPE, Salvo Pogliese, che sulla questione ha presentato un’interrogazione alla Commissione europea.

"Il Marocco e la Tunisia hanno una legislazione molto permissiva per quanto concerne il settore agricolo. – spiega l’europarlamentare - In questi Stati è possibile, infatti, usare il bromuro di metile o prodotti derivati dal Ddt che in Europa sono banditi da molti anni. Queste pratiche, unite al basso costo della manodopera locale, permettono la produzione dei prodotti ortofrutticoli a costi largamente inferiori rispetto a quelli sostenuti dai produttori europei che sono, invece, costretti a rispettare regole e standard molto elevati".

"Ho chiesto alla Commissione europea – conclude Pogliese - d’intervenire per tutelare la salute dei cittadini dell’Unione e salvaguardare i produttori ortofrutticoli europei dalla concorrenza sleale dei produttori nordafricani".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.