Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 21 novembre 2017

Catania, parcheggi off limit
in zona San Giovanni Galermo

La denuncia del consigliere Catalano: "In via San Giovanni Battista costretti a posteggiare sopra i marciapiedi"

CATANIA - E’ cosa nota che nel quartiere di San Giovanni Galermo la viabilità proceda costantemente a singhiozzo. A soffrirne maggiormente di questo problema è soprattutto via San Giovanni Battista; l’arteria principale della zona che collega il territorio con il resto dei paesi limitrofi. Qui sono concentrati la maggior parte delle attività commerciali del quartiere.

"L’ultimo piano viario, di quasi dieci anni fa, ha profondamente cambiato la mobilità di San Giovanni Galermo ma si registrano ancora disagi al flusso veicolare legati alla carenza di parcheggi in via Battista - spiega il consigliere Giuseppe Catalano - Questo costringe molti automobilisti a posteggiare sopra i marciapiedi. Una dimostrazione di inciviltà che obbliga i pedoni a camminare ai bordi della strada".

Durante le sedute delle commissioni comunali alla Mobilità e ai Lavori Pubblici delle ultime settimane - continua Catalano in una nota stampa - ho avanzato la proposta di ridurre l’ampiezza dei marciapiedi di via San Giovanni Battista, soprattutto nella parte sud, per ricavare lo spazio necessario ad istallare nuovi box in una delle principali arterie del quartiere. Questo consentirebbe alle auto ed ai furgoni di avere nuovi posteggi a disposizione, di non invadere i passaggi pedonali e di non danneggiare il basolato che non riesce a sopportare un peso tanto grande. Allo stesso tempo i pedoni sarebbero liberi dall’invasione delle macchine e i residenti dei palazzi non si ritroverebbero l’accesso di casa bloccato da una macchina in sosta".

"I tecnici comunali hanno già stilato un progetto operativo dal costo di 100.000 euro - conclude -  Adesso tocca all’amministrazione comunale fare in modo che ci sia una reale volontà politica di risolvere questo annoso problema avviando un piano che, per ora, resta solo sulla carta".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.