Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 20 novembre 2017

Pubblicato: 11/02/2016

Precari scuola: protesta in Sicilia

Nella giornata di mobilitazione nazionale previsti domani i sit-in davanti alle prefetture delle nove città dell'isola a partire dalle 15,30. si lotta per la stabilizzazione

PALERMO - Con i sit in in nelle nove città siciliane, riparte domani la protesta di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Unams per i precari della scuola, nel giorno della mobilitazione nazionale.

La protesta si terrà davanti alle prefetture dalle 15,30. Al centro della manifestazione, il diritto alla stabilizzazione dei lavoratori assunti a tempo determinato per più di tre anni, per i docenti di scuola dell'infanzia estromessi dal piano di assunzioni, per i docenti ai quali è stata preclusa dal Miur la possibilità di conseguire abilitazioni per Tfa non attivati.

Secondo i dati nazionali i precari, 118 mila lo scorso anno, sono saliti a 147 mila. "Dati - spiega Francesca Bellia segretario Cisl Scuola Sicilia - che risultano ancora più rilevanti nella nostra regione dove il tasso di disoccupazione elevatissimo fa sì che l'unica fonte di lavoro venga ricercata nella pubblica amministrazione e quindi anche nella scuola. La riforma della scuola non ha certo prodotto gli annunci sbandierati dal governo nazionale, come la stabilizzazione di tutti i precari, come mostrano infatti, i numeri,il fenomeno invece che diminuire produce effetti contrari".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.