Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 20 novembre 2017

Pubblicato: 28/01/2016

Catania: carciofi e hashish

Vendevano droga e ortaggi alla brace nei pressi di villa Pacini: tre arresti

CATANIA - Assieme ai carciofi arrostiti, nei pressi di Villa Pacini, a Catania, vendevano marijuana e hashish. È l'accusa per due fratelli, Gaetano e Salvatore Finocchiaro, rispettivamente di 34 e 36 anni, e Massimo Francesco Sicali, di 28, che sono stati arrestati dalla Polizia di Stato.

Gli agenti, prima di intervenire hanno monitorato la bancarella: Gaetano Finocchiaro intascava il denaro, faceva cenno a Sicali di andare a prelevare la dose nascosta tra i carciofi, dentro un'Ape Piaggio parcheggiata lì vicino, apparentemente utilizzata per l'attività.

Custode del depositò era Salvatore Finocchiaro. Bloccati i tre, i poliziotti hanno trovato in tasca a Gaetano Finocchiaro 405 euro prevalentemente in banconote di piccolo taglio e dentro il furgone una busta contenente 26 dosi di hashish.

Addosso a Salvatore Finocchiaro è stato trovato il mazzo di chiavi della sua auto dove c'erano una busta con 400 grammi di marijuana del tipo "Skunk", una cassetta corazzata chiusa a chiave contenente un bilancino di precisione e circa 230 grammi di hashish. I tre sono stati rinchiusi nel carcere di Piazza Lanza.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.