Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 26 maggio 2016

"Consiglio comunale straordinario e direzione del Pd"


CATANIA - "Il quadro che emerge dalla relazione della Commissione regionale Antimafia è inquietante e sconfortante, soprattutto perché la sensazione è che ci sia un salto di qualità: che la criminalità organizzata non si rivolga più alla politica ma si faccia essa stessa politica, attraverso propri rappresentanti". Lo dichiara in una nota il parlamentare nazionale del Partito Democratico, Giuseppe Berretta, in merito alle presunte infiltrazioni mafiose al consiglio comunale di Catania.

"Nel rispetto del ruolo che istituzionalmente le compete, la Commissione ha fatto il proprio dovere - aggiunge Berretta - e siamo certi che Commissione nazionale Antimafia e magistratura faranno altrettanto. Ma la politica, i partiti e in particolare il Pd, non possono e non devono ignorare o sottovalutare la grossa responsabilità che hanno, a partire dalla scelta dei candidati".

"Anzi, sono chiamati ad una reazione improntata alla massima chiarezza, senza prudenze opportunistiche e pretendendo da tutti i propri esponenti comportamenti adamantini e coraggio nel contrasto ai tentativi di infiltrazione e condizionamento della mafia. Responsabilità politica ed etica pubblica prescindono dai fatti di reato, come più e più volte giustamente sottolineato dalla Commissione regionale Antimafia".

"L'Amministrazione comunale e il Pd di Catania - sottolinea Berretta - devono quindi esprimere parole e compiere atti netti e chiari, approfittando di questa vicenda per rilanciare un serio dibattito cittadino sullo sviluppo, sul lavoro e sulla crescita nella legalità del nostro territorio e della nostra Regione".

"Lo dobbiamo alla nostra storia politica, al rispetto di quanti, da Pio La Torre a Piersanti Mattarella, hanno sacrificato la propria vita nella lotta contro la mafia e per una Sicilia libera dal giogo malavitoso. Per questo, credo che l'immediata convocazione di un Consiglio comunale straordinario, di una Direzione provinciale del Partito Democratico e di Assemblee dei Circoli di quartiere del PD sia indifferibile".

"Uno dei migliori antidoti che la politica può mettere in campo per prevenire fenomeni opachi di prostrazione a interessi particolari è la costruzione di processi di partecipazione larga, per favorire proposte condivise e democratiche. Non sarebbe il caso di discutere anche di questo, in Consiglio comunale e nel Pd?".

"È il momento infine di una forte reazione da parte della città tutta: i cittadini onesti, le organizzazioni imprenditoriali, i sindacati, le associazioni devono sentirsi chiamati in causa, perchè solo da una reazione popolare seria, non demagogica, che passi dalla presa di coscienza delle difficoltà odierne alla progettazione di un futuro diverso, può arrivare la risposta alle domande che oggi ci poniamo".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.