Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 25 settembre 2016

Pubblicato: 24/12/2015

Salute della donna, brilla il Garibaldi

Nuccio Sciacca / 
All’ospedale catanese l’Osservatorio nazionale assegna il primo posto e tre bollini rosa

Tra i bilanci di fine anno ci sono anche quelli che riguardano la salute e in particolare quella delle donne. L’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (Onda), struttura impegnata ormai da anni sul fronte della misurazione dei servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, durante la consueta cerimonia di consegna dei riconoscimenti, svoltasi a Roma nei giorni scorsi, ha evidenziato la costante crescita degli ospedali siciliani in questo settore, assegnando 1 bollino rosa a 4 presidi, 2 bollini a 6 nosocomi e, come già detto, ben 3 bollini all’Arnas Garibaldi, unica struttura pubblica ad aver raggiunto tale obiettivo e che ha ritirato il riconoscimento per mano della dott.ssa Anna Colombo.

A convincere i responsabili del programma operativo ad assegnare una posizione di prestigio all’azienda diretta dal dott. Giorgio Santonocito è stata non soltanto la qualità dell’offerta dei percorsi diagnostico-terapeutici, ma anche la capacità di talune unità operative di distinguersi in azioni di ricerca, cura e comunicazione, grazie anche alla recente creazione del Centro accoglienza oncologico presso il presidio ospedaliero di Nesima.

I tre bollini rosa assegnati dall’Onda, per il biennio 2016-2017, fanno dell’Arnas Garibaldi la prima azienda ospedaliera di Sicilia per la promozione e la tutela della salute femminile. Tra le centinaia di strutture sanitarie, pubbliche e private, che hanno avanzato la propria candidatura al prestigioso riconoscimento, soltanto 82 sono riuscite a ottenere il punteggio massimo di tre bollini rosa, a fronte dei 127 capaci di ottenerne due e dei 40 con un solo fregio.

In particolare, l’Azienda di piazza S. Maria di Gesù, grazie anche al lavoro della dott. ssa Anna Rita Mattaliano, direttore Sanitario aziendale, e della dott.ssa Giuseppina Padova, referente del progetto “Bollini Rosa”, raggiunge il massimo obiettivo per alcune specialità di grande rilevanza sul territorio.

L’Unità Operativa di Endocrinologia diretta dal prof. Sebastiano Squadrito, innanzitutto, si vede premiata per i servizi per la diagnosi e la cura dell'osteoporosi della patologia tiroidea, con il fiore all’occhiello dell’ambulatorio di endocrinologia ginecologica, mentre viene sottolineata la dimensione di Centro Nazionale di riferimento per il carcinoma tiroideo.

Per la medesima struttura, altre note di merito arrivano per il servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica nonché per quello di Diabetologia, caratterizzati da percorsi convincenti, completi ed efficaci. Anche l’unità operativa di Ginecologia e Ostetricia, diretta dal dott. Giuseppe Ettore, ha ottenuto il plauso dell’osservatorio.

La Ginecologia, in particolare, viene segnalata per la Diagnostica strumentale riguardante la patologie benigne, per il percorso di diagnosi e cura delle patologie uro-ginecologiche, per gli ambulatori di ginecologia adolescenziale, menopausa, gravidanze a rischio e prevenzione del parto pretermine, quello dell’ecografia e diagnosi prenatale nonché l’ambulatorio dedicato al trattamento del dolore pelvico cronico e all’endometriosi.

L’Ostetricia, invece, risalta per i servizi riguardanti la diagnosi e la cura delle patologie prenatali, l’ambulatorio di ostetricia per la gravidanza, quello dedicato al dolore cronico post-partum, la gestione integrata delle patologie complesse in gravidanza, il Pronto Soccorso Ostetrico, il Rooming-in e l’analgesia epidurale gratuita h24, con il fiore all’occhiello del parto in acqua.

Un altro riconoscimento è stato inoltre riservato alla Neonatologia, diretta dalla dott.ssa Angela Motta, per la terapia intensiva neonatale, l’assistenza e supporto psicologico degli attori coinvolti, l’assistenza personalizzata post-dimissione e il monitoraggio multidisciplinare rivolto al bambino nato prematuro.

Infine, all’interno dell’Arnas Garibaldi, il bollino rosa viene assegnato anche al servizio multidisciplinare di cura delle patologie oncologiche e senologiche, che coinvolge contemporaneamente diverse unità operative.

Attraverso il Programma Bollini Rosa, l’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna si impegna a promuovere, anche all’interno degli Ospedali, un approccio “di genere” nella definizione e nella programmazione strategica dei servizi socio-sanitari, imprescindibile per poter garantire il diritto alla salute non solo delle donne ma anche degli uomini.

Tra gli Obiettivi del Programma vi è innanzitutto quello della creazione di un network di ospedali a “misura di donna”, sempre più all'avanguardia nella prevenzione, diagnosi e cura delle patologie femminili, favorendo una scelta consapevole da parte dell’utente, attraverso un confronto diretto tra i servizi offerti dalle diverse strutture. All’interno del sito internet dell’Onda, www.bollinirosa.it, è possibile trovare tutti i dettagli del lavoro svolto dall’osservatorio nonché la classifica degli ospedali selezionati.

 






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.