Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 28 giugno 2016

Pubblicato: 18/12/2015

Ciatu, teatro e diversità

Il 16 e 17 febbraio al Teatro Stabile di Catania in scena lo spettacolo di Monica Felloni. Con la compagnia teatrale Neon anche attori disabili

“Ciatu”, l’ultimo spettacolo prodotto dalla Neon, andrà in scena, per la prima volta a Catania, il 16 e 17 febbraio prossimo, al Teatro “Verga”. “Ciatu” (respiro), con la regia di Monica Felloni è stato inserito come spettacolo ospite dello Stabile catanese, dopo il grande successo di pubblico e di critica ottenuto in occasione della prima nazionale andata in scena lo scorso agosto al Teatro Greco di Taormina. Nuclei narrativi di “Ciatu” sono la vita e il pensiero di Giordano Bruno. Lo spettacolo attraversa, un quadro dietro l’altro, la complessità umana e filosofica del frate domenicano.

Sul palco, per le due date catanesi di metà febbraio, oltre venti attori, molti dei quali disabili, che animano uno spettacolo contrassegnato dal succedersi di azioni teatrali, intrise di canto, poesia, immagini, musica e danza in una sequenza orchestrata di corpi, parole, respiri che, intrecciandosi e amalgamandosi, rendono merito e onore all'umanità che vive tutti i giorni in tensione d'amore.

La regia di Monica Felloni, in questa disposizione d'animo e di pensiero, è una composizione visionaria e un appassionato risuonare di Giordano Bruno nell'immortalità della vita. “Ciatu si propone una scena-mondo affidata alla peculiare diversità di ogni attore coinvolto e della quale il pubblico è parte integrante”, spiega il direttore artistico della Neon Piero Ristagno. “La differenza e la diversità del singolo sono la tela sulla quale arte e natura si iscrivono per generare la bellezza di ogni forma dell’essere vita, ‘Ciatu’ è il respiro degli uomini che vive e sopravvive dal liquido amniotico in poi, sino a dopo la fine, è la storia di questo respiro”, aggiunge la regista Monica Felloni.

In concomitanza con l’avvio delle prevendite degli spettacoli di febbraio, la Neon ha lanciato, dalla propria pagina Facebook, la campagna social “Un biglietto sotto l’albero”, ovvero regala un biglietto per lo spettacolo e dai forza al teatro e alla Neon. “E’ il nostro personale ‘crowdfunding’ basato sullo scambio di respiro – annuncia il direttore artistico Piero Ristagno – noi doniamo 'Ciatu' al nostro pubblico e riceviamo da loro ciatu per continuare il nostro percorso artistico”.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.