Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 22 agosto 2017

Francesco apre le porte del Giubileo
"Abbandoniamo ogni paura"

Roma blindatissima per la prima cerimonia: più di 50.000 i fedeli, con Bergoglio anche Ratzinger

ROMA - "Apritemi le porte della giustizia": con queste parole papa Francesco ha aperto la Porta Santa della Basilica di San Pietro, che segna l'inizio del Giubileo straordinario della misericordia, che si chiuderà il 20 novembre 2016. Il papa è entrato da solo dentro la basilica seguito da vescovi e cardinali. Alle sue spalle anche il papa emerito Ratzinger. E' la prima volta che la Chiesa apre una Porta Santa alla presenza di due papi.

"Abbandoniamo ogni forma di paura e di timore che non si addice a chi è amato, viviamo la gioia dell'incontro con la Grazia che tutto trasforma", è stato l'appello di papa Francesco ai fedeli.

Più di 50.000 le persone presenti, secondo una stima del prefetto di Roma Franco Gabrielli. Pellegrini fin dalle sei e mezza di questa mattina in fila. Rapiscanner e metal dector in azione sotto il colonnato del Bernini: è il Giubileo ai tempi dell'Isis, il 30° della storia, e Roma è blindata.

Oltre 2.200 gli uomini schierati tra polizia, carabinieri e esercito, no fly zone sui cieli della capitale per un raggio di 10 km a eccezione dei voli commerciali autorizzati dagli aeroporti di Fiumicino e Ciampino. Gli Eurofighter a controllare dall'alto, presidiate le sei basiliche principali, 10 mila telecamere collegate con la sala gestione.






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.