Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 30 agosto 2016

Pubblicato: 30/11/2015

"Una Lupa ancora attuale"

A Catania l'opera teatrale verghiana: mattatrice la Sastri, Battiato firma le musiche. Il regista Ferro: "Personaggio dalla forza contemporanea"

CATANIA - Dopo la prima nazionale al Quirino di Roma, arriva in Sicilia, per la stagione di prosa “Turi Ferro”, il nuovo allestimento de “La Lupa”. Dal 4 al 6 dicembre, al Teatro ABC di Catania, andrà in scena il testo verghiano, per la regia di Guglielmo Ferro.

Protagonista assoluta sarà Lina Sastri, che si confronta per la prima volta con l’opera del grande autore siciliano. L'adattamento è di Micaela Miano, che nella sua riscrittura delle celebri pagine di Giovanni Verga ha realizzato una sintesi tra la novella, il dramma teatrale, il libretto d'Opera e gli altri scritti del grande autore.

“La figura della Lupa - spiega il regista Guglielmo Ferro -, che era già di rottura nella produzione verghiana, risuona oggi di grande attualità, come ogni personaggio archetipo della letteratura. Gnà Pina ha un fascino e una forza che emergono con grande facilità dal testo, consentendo un lavoro di riscrittura stimolante e creativo. Un'operazione complessa, ispirata da più fonti. Un lavoro per sottrazione, come la cipolla che si sbuccia strato dopo strato, fino ad arrivare al cuore dei personaggi per coglierne l'emozione più intima. Questo progetto artistico si è potuto realizzare solo grazie alla presenza di Lina Sastri, una delle poche attrici in grado di sostenere un ruolo così complesso, in cui l’interprete deve interrogare gli strati più profondi della sua anima”.

“Non ero mai stata attratta dalla Lupa - spiega Lina Sastri - perché ero rimasta al luogo comune di una figura solo negativa. Invece ho scoperto che Verga ha tratteggiato una donna con mille sfaccettature, vittima e carnefice allo stesso tempo. Gnà Pina vive con grande passione, ha il coraggio di dire la verità in un mondo chiuso e non si cura di quello che gli altri pensano di lei. Vive la sua sessualità liberamente, sino all'estrema passione. La Lupa è una donna di oggi: libera e sincera, nelle parole, nei fatti e nelle azioni”.

L'arrangiamento musicale porta una firma d'eccezione, quella di Franco Battiato, che ha musicato “Garofulu pumpusu”, lo stornello che la Lupa dedica al suo amore. “Non possiamo che ringraziare il maestro - commenta Guglielmo Ferro - per la sua grande generosità”. 








Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.