Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 26 luglio 2016

Pubblicato: 19/11/2015

Ministro Pinotti al premio Cutuli

Il 21 a Santa Venerina la consegna dei riconoscimenti giornalistici dedicati all'inviata del Corriere uccisa in Afghanistan nel 2001

CATANIA - Si svolgerà sabato 21 novembre a Santa Venerina, alla presenza del ministro della Difesa Roberta Pinotti, la cerimonia di premiazione della 15/a edizione del premio internazionale di giornalismo Maria Grazia Cutuli, l'inviata del Corriere della Sera uccisa con altri tre colleghi in un agguato in Afghanistan il 19 novembre del 2001.

Il riconoscimento, assegnato dalla Fondazione Cutuli Onlus, sarà consegnato a Rukmini Maria Callimachi, Francesca Paci e Alessio Mamo, rispettivamente per la stampa estera, quella italiana e per il giornalista italiano emergente. L'appuntamento è per le 18.30 nel Teatro Eliseo.

A condurre la serata sarà la giornalista Carmen Lasorella. Il tema della premiazione e del successivo dibattito è: "Guerra o non guerra, come si risponde alla minaccia integralista". Interverranno, oltre al ministro, il vicedirettore vicario del Corriere della Sera e presidente della Fondazione Cutuli Onlus Barbara Stefanelli e l'inviato speciale del Corriere della Sera Paolo Valentino. L'attrice Micaela Esdra leggerà brani degli articoli di Maria Grazia Cutuli. È inoltre prevista la presenza del cantautore Lello Analfino, dei Tinturia.

Nella stessa serata verranno premiati i tre vincitori per le tesi di laurea in materie giornalistiche: Giorgia Lodato, Federica Privitera e Salvatore Frequente. La cerimonia di consegna sarà preceduta alle 10.30 nell'Aula magna dell'Università di Catania, dalle lectio magistralis dei tre premiati: "Come l'Isis ha trasformato lo stupro in un sacramento", di Rukmini Maria Callimachi, "Le fatiche del cronista non fanno notizia", di Francesca Paci, e "Il viaggio di Somar", di Alessio Mamo.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.