Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 21 febbraio 2017

Pubblicato: 10/11/2015

Pubbliservizi, pronto lo sciopero

I sindacati chiedono certezze per i lavoratori della partecipata della ex Provincia. Manifestazioni organizzate dal 12 al 14 davanti al centro le Ciminiere di Catania

CATANIA - Le segreterie provinciali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti hanno proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale della Pubbliservizi, società partecipata dell’ex-Provincia regionale di Catania, con manifestazione di sciopero per i giorni 12, 13 e 14 novembre nel Centro Fieristico Le Ciminiere in viale Africa. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti chiedono un urgente incontro al commissario straordinario dell’ex-Provincia, ora Città Metropolitana, "al fine di porre fine allo stato di incertezza in cui versano i circa 400 lavoratori della Pubbliservizi".

"Nonostante il grande impegno dei vari commissari Regionali, che si sono avvicendati in questi anni – sottolineano i segretari generali provinciali Grillo (Filcams), Ponzo (Fisascat) e Alibrandi (Uiltrasporti) - le condizioni di precarietà dei lavoratori permangono. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti, insieme ai lavoratori che rappresentano, "ritengono che le cause principali dei disagi siano da attribuirsi alla leggera gestione aziendale. Infatti vengono riconosciuti (a pochi) senza alcun principio di selezione del personale promozioni con conseguenti aumenti salariali. Questo è avvenuto ogni qualvolta è stato eletto un nuovo Presidente e tutto ciò ha causato modificazioni nei confronti di tutti gli altri lavoratori".

"Alla luce di ciò – concludono – la Pubbliservizi continua a chiedere sacrifici a quei lavoratori che ancora oggi aspettano di avere riconosciuti i propri diritti. In attesa di una risoluzione definitiva dei problemi esposti, è stato proclamato lo stato di agitazione del personale e lo sciopero con manifestazioni davanti alla sede delle Ciminiere".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.