Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 02 dicembre 2016

Asp Palermo, nuovi ecografi per abbattere liste di attesa

Nuccio Sciacca / 
L'acquisto permetterà di eseguire almeno 80 prestazioni in più al mese

Cinque nuovi ecografi multidisciplinari di ultima generazione a disposizione delle strutture dell’Asp di Palermo e provincia. Sono già stati acquistati, consegnati e andranno concretamente ad arricchire il parco tecnologico dei servizi aziendali. Il primo ad entrare in funzione, sarà all’Unità Operativa di Radiodiagnostica dell’Ospedale “Madonna dell’Alto” di Petralia Sottana.

“C’è la necessità - ha spiegato il direttore generale dell’Asp, Antonio Candela - di abbattere le liste d’attesa che, pur rientrando per le prestazioni programmate entro i 180 giorni previsti dalla normativa, prevedono comunque tempi che ragionevolmente devono essere ridotti".

"A Petralia per un’ecografia all’addome bisogna attendere fino a marzo - continua Candela -, mentre per un’ecografia alla tiroide a febbraio. Con un nuovo ecografo contiamo di aumentare di almeno 80 prestazioni al mese l’offerta agli utenti esterni consentendo così di dare un deciso taglio alle liste d’attesa. Attraverso una razionalizzazione e riorganizzazione del lavoro saremo in grado dalla prossima settimana di aumentare l’offerta anche per le radiografie”.

L’investimento dell’Asp per l’acquisto delle nuove attrezzature è stato di 210 mila euro. Oltre che a Petralia, gli ecografi multidisciplinari sono stati destinati all’Unità Operativa di Radiodiagnostica del “Cimino” di Termini Imerese, alla Chirurgia dell’Ospedale “Dei Bianchi” di Corleone, alla Medicina Interna dell’Ospedale “Civico” di Partinico e al Poliambulatorio “Centro” di Palermo.

“Si tratta di un’altra tappa nel percorso intrapreso da due anni di rinnovo e potenziamento della dotazione strumentale – ha sottolineato Candela – c’è la massima attenzione, soprattutto, per i presìdi della provincia chiamati a dare una risposta qualificata ai bisogni di un’utenza che paga anche le attuali difficoltà nei collegamenti con la città”.

 






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.