Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 24 ottobre 2017

Allagamenti alla zona industriale
Esposto di Confcommercio Catania

Azione legale dell'associazione dei commercianti: "Un atto dovuto nei confronti dei tanti operatori che lý lavorano in condizioni di grave disagio"

CATANIA - "La Confcommercio Catania compie un passo importante, scegliendo di ricorrere alle vie legali per accendere i riflettori sulla nostra zona industriale". Lo ha affermato il presidente provinciale Riccardo Galimberti, annunciando che domani "l'avvocato Simone Marchese presenterà in Procura" firmato dall'associazione dopo gli allagamenti che si sono verificati nei giorni di maltempo.

"Pensiamo sia l'atto estremo - ha spiegato Galimberti - per richiamare l'attenzione sulle problematiche della zona industriale, un atto dovuto nei confronti dei tanti operatori che lì lavorano in condizioni di grave disagio. Nel quotidiano, e ancor di più quando a causa di forti fenomeni atmosferici le aziende subiscono ingenti danni. La zona industriale è una centrale arteria economica della città, per gli imprenditori operanti sul luogo è di fondamentale importanza che i sistemi di canalizzazione, controllo e vigilanza funzionino adeguatamente. È vero, infatti, che su questa parte di territorio sono presenti dei canali di scolo, ma sono assolutamente abbandonati, senza alcuna opera di intervento e tantomeno di manutenzione neanche ordinaria".

"Con l'esposto - sottolinea Fabio Impellizzeri vice presidente Confcommercio con delega alla Zona Industriale - la nostra associazione vuole individuare le responsabilità della gestione dei canali e se ci sono state omissioni negli anni passati per non doverci ritrovare mai più in futuro a pagare milioni di danni. Alla zona industriale di Catania - osserva Impellizzeri - operano circa 400 aziende che impiegano migliaia di persone, con un giro d'affari di milioni di euro che contribuiscono al sostegno dell'economia del territorio".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.