Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 25 giugno 2017

Sassi contro i tifosi del Catanzaro
Daspo per due ultras rozzazzurri

Catania. Identificati i responsabili dell'aggressione vicino allo stadio Massimino: per loro è scattato un provvedimento di cinque anni

CATANIA - La questura di Catania ha denunciato per violenza, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale pluriaggravate e disposto il Daspo di cinque anni ciascuno per due ultras identificati tra i 15 aggressori che, l'11 ottobre scorso, hanno tentato di lanciare sassi e di venire a contatto con tifosi del Catanzaro vicino allo stadio Angelo Massimino, dove si giocava una gara valida per il campionato di calcio di Lega Pro.

Operazione sventata dallo schieramento delle forze dell'ordine attorno e dentro l'impianto sportivo. Inoltre un 33enne ultrà del Catania, che aveva il divieto di avvicinarsi allo stadio, è stato stato sottoposto a un Daspo di 8 anni.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.