Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 31 maggio 2016

Pubblicato: 16/10/2015

In Italia i bimbi più grassi d’Europa

Nuccio Sciacca / 
Il fenomeno è accentuato al Centro-Sud a causa di retaggi culturali sbagliati

Il parallelo "grasso" uguale "in salute" è più che mai radicato nel nostro Paese e soprattutto nelle regioni meridionali. A chi, infatti, ancora oggi non capita di sentire i genitori di un bimbo chiaramente obeso che gongolano soddisfatti della stazza fuori misura del loro piccolo?

E così diventa un record triste quello che stiamo conquistando. Il 24 per cento dei bambini italiani è in sovrappeso e la metà di loro è obeso. Il motivo? Secondo Michele Carruba, del Centro studi e ricerche sull'obesità dell'Università di Milano, il motivo è semplice: stiamo perdendo il nostro profilo di cultori della dieta mediterranea.

Il fenomeno dei bimbi extralarge, insomma, avanza a macchia d'olio su tutta la penisola. C'è però da dire che in base ai dati del sistema di sorveglianza "Okkio alla salute" appare particolarmente preoccupante nel Centro e nel Meridione. All'origine del fenomeno ci sono sicuramente gli stili di vita non proprio salutari già in età infantile.

Ad esempio, otto bimbi su cento non fanno la prima colazione e più di uno su due si ritrova con una merenda eccessivamente calorica a metà mattinata. Un genitore su quattro ammette candidamente che i vegetali non entrano nella dieta quotidiana dei piccoli e che più di quattro su dieci consumano regolarmente bevande zuccherate.

Parlando del movimento, la situazione non è certo migliore: per diciotto bambini su cento non si supera l'ora a settimana di attività fisica e il 35 per cento dei bimbi rimane a fissare lo schermo televisivo o quello del pc per più di due ore al giorno.






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.