Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 24 marzo 2017

Pubblicato: 14/10/2015

Stm Catania: è sciopero

Domani sit-in di 4 ore per i duemila dipendenti in cassa integrazione. I sindacati: "Il calo produttivo maschera un problema industriale più grande"

CATANIA - Giovedì prossimo i lavoratori della St Microelectronics di Catania, da oggi in cassa integrazione, sciopereranno per 4 ore e terranno un presidio di protesta di fronte alla sede dell'azienda nella zona industriale, stradale Primosole.

A partire dalle 10.30, inoltre, i segretari generali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl di Catania, Giacomo Rota, Rosaria Rotolo, Fortunato Parisi e Carmelo Mazzeo, insieme ai segretari di categoria Fim, Fiom, Uilm e Uglm, Stefano Materia, Pietro Nicastro, Matteo Spampinato e Angelo Mazzeo e alle Rsu, incontreranno i giornalisti per fare il punto sulla vertenza e per divulgare una lettera- appello al governo nazionale.

"La notizia della cassa integrazione per gli oltre duemila lavoratori della St Microelectronics di Catania - spiegano i sindacati -, è arrivata nei giorni scorsi dopo un faccia a faccia tra i vertici catanesi del sito produttivo della zona industriale e le rsu del sindacato unitario; la St ha dichiarato un calo produttivo trasversale su svariate tecnologie giustificando così la scelta di ricorrere alla cassa. Il timore dei sindacati è che dietro la decisione si celi un problema industriale molto più grande in grado di far saltare gli investimenti per il Modulo 9".






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.