Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 25 maggio 2016

I prof dei figli? Soddisfatti 7 genitori su 10

Sondaggio Ixè-Italia Orienta: uno su cinque sogna per loro un futuro da libero professionista

ROMA - Oltre 7 genitori italiani su 10 sono soddisfatti degli insegnanti dei propri figli. Se non avesse problemi o limiti di spesa, però, oltre la metà li farebbe studiare all'estero (soprattutto nei Paesi anglosassoni: 19% negli Stati Uniti e 15,7% in Gran Bretagna). È quanto emerge da un sondaggio Ixè-Italia Orienta.

"I risultati mostrano che il sistema scolastico e universitario italiano gode di ottima reputazione" ha commentato Roberto Weber, presidente di Ixè, che ha condotto la ricerca su un campione di 550 persone, tutte con figli in età scolare. "Il 43,8%, anche potendo scegliere, oggi farebbe studiare i propri figli in Italia. Non è un dato da poco. Il grado di soddisfazione per gli insegnanti, oltre il 70%, conferma la sostanziale fiducia nella scuola di casa nostra".

Da segnalare, inoltre, che il futuro professionale sognato per i figli è soprattutto quello da liberi professionisti (25,5%), seguito da medico (18,7%) e ingegnere (11%). "Questo risultato certifica che ormai sempre meno persone credono nel posto fisso" ha aggiunto Mariano Berriola, presidente di Italia Orienta, la Fondazione che organizza lo Young International Forum, giunto quest'anno alla settima edizione. "Per la scuola e l'università italiane si tratta di una sfida ulteriore - ha aggiunto - per preparare al meglio i giovani al mondo del lavoro".






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.