Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 17 ottobre 2017

A18: riaperto un lato di carreggiata
'Dietro la frana l'ombra abusivismo'

Doppio senso di circolazione nel tratto Giardini-Roccalumera. Sulla collina di Letojanni smosso il terreno per costruire immobili, l'assessore Pizzo tuona: "Gravissimo"

CATANIA - Potrebbe essere stata causata dal movimento terra a monte dell'autostrada A18 Messina-Catania la frana che si è abbattuta sulle due corsie dell'arteria. Sulla collina, secondo quanto stanno verificando i tecnici del Consorzio autostrade siciliane (Cas), sarebbero stati eseguiti lavori da privati per la costruzione di immobili abusivi.

Intanto è stata aperta al traffico in doppio senso di circolazione la carreggiata lato mare dell'autostrada nel tratto Giardini Naxos-Roccalumera. Ci sono ancora code di ore sulla A18 e sulla strada statale. La decisione di riaprire è scaturita dal sopralluogo effettuato tra le 6 e le 8 dal Cas.

"I mezzi pesanti provenienti da Messina e diretti a Catania continueranno ad utilizzare il percorso alternativo indicato dalla prefettura di Messina. I mezzi leggeri provenienti da Messina e diretti a Catania potranno utilizzare l'autostrada A18 ed uscire obbligatoriamente allo svincolo di Roccalumera per, eventualmente, rientrare in autostrada usufruendo dello Svincolo di Taormina. I lavori di stabilizzazione avanzeranno una volta che il pendio si sia, in qualche modo, assestato per poter operare di conseguenza".

E intanto ha affidato a Facebook una sua dichiarazione l'assessore regionale alle Infrastrutture Giovanni Pizzo: "Le ditte sono già al lavoro per un piano di consolidamento e drenaggio approvato dal Genio civile. Sulle strade siciliane sta franando di tutto, non si può lavorare così. Sono state apportate delle barriere di contenimento per la messa in sicurezza. Stavolta probabilmente la causa è l'abusivismo e non la natura. In questo caso si tratterebbe di un fatto davvero grave".


















Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.