Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 25 giugno 2016

Spermatozoi prodotti per la prima volta in vitro

Nuccio Sciacca / 
Importante passo avanti per curare l’infertilità maschile

La scoperta, se troverà un seguito e se gli studi sul Dna non evidenzieranno anomalie, è di quelle epocali. Per la prima volta al mondo, infatti, sarebbero stati ottenuti spermatozoi umani completamente in vitro, a partire dal tessuto di un uomo sterile.

La notizia arriva dalla Francia ed è stata comunicata dalla società Kallistem, start up del Centro nazionale ricerche francese. Il lavoro di ricerca è stato fatto, sempre in Francia, insieme all’Istituto di genomica funzionale di Lione, mentre la parte pratica in laboratorio, con la creazione dello sperma, è stata svolta proprio dalla Kallistem.

Secondo i ricercatori “la tecnica potrebbe aiutare gli uomini che soffrono di forme di sterilità che al momento non hanno cura, oltre che decine di migliaia di giovani che devono sottoporsi a terapie pericolose prima della pubertà. Lo sperma ottenuto verrà utilizzato per la fecondazione artificiale con microiniezione nell'uovo e per i pazienti più giovani lo sperma potrebbe essere crio-conservato fino a quando non vi sarà il desiderio di paternità”.

Prima di confermare la possibilità di tali applicazioni, sarà analizzata la qualità dello sperma prodotto. Innanzitutto, dai modelli di roditori, i cuccioli nati da spermatozoi formati in vitro saranno studiati da un punto di vista fisiologico e comportamentale per verificare la normalità di organi e la capacità di riprodursi. Poi, gameti umani saranno studiati da una punto vista biochimico ed epigenetico.






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.