Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 21 luglio 2017

Pubblicato: 14/11/2008

Uccisa a Licodia Eubea, si cerca figlio

Il giovane, che vive con i genitori e soffre di crisi depressive, da ore è irreperibile. Ieri sera la madre 54enne è stata assassinata in casa con almeno 80 colpi di coltello

LICODIA EUBEA (CATANIA) - È ancora irreperibile uno dei due figli di Lina Miano, la donna di 54 anni trovata morta ieri dal marito nel soggiorno della sua abitazione di Licodia Eubea, nel Catanese, uccisa con numerosi colpi di arma da taglio.

Il giovane di 25 anni - che soffre da tempo di crisi depressive, vive a casa dei genitori e ha un altro fratello ricoverato in una casa di cura - non è indagato ma i carabinieri vogliono sentirlo per fare luce sul delitto. Oggi intanto è in programma un sopralluogo del Ris di Messina nell'abitazione della donna, dove non sono stati trovati segni di effrazione.

Secondo i militari dell'Arma, che escludono l'omicidio sia maturato in ambito criminale, quello di Lina Miano sarebbe un delitto d'impeto e non premeditato, maturato quasi certamente nell'ambito familiare. La donna sarebbe stata massacrata con numerose coltellate, almeno una ottantina stando a una prima ricognizione del medico legale sul corpo di Lina Miano.

Maggiori dettagli sulla dinamica dell'aggressione si potranno conoscere in seguito all'autopsia e ai risultati degli accertamenti compiuti dai carabinieri del Ris sulla scena del delitto.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.