Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 20 ottobre 2017

Rapina alla banca del Cannizzaro
allarme, inseguimento e due arresti

Catania. Banda del buco in azione nella sede della Monte dei Paschi di Siena all'interno dell'ospedale. In manette Vincenzo Valenti e Piero Salici

CATANIA - Banda del buco in azione la notte scorsa nella sede della banca Monte dei Paschi di Siena, ubicata all’interno dell’ospedale Cannizzaro di Catania. In manette sono finiti Vincenzo Valenti, pregiudicato di 61 anni, e Piero Salici, 43 anni, con l'accusa di furto aggravato.

Intorno all'1.35 è scattato l'allarme per un furto in atto presso la banca Monte dei Paschi di Siena dell’ospedale. Giunti sul posto, i poliziotti hanno constatato l’effrazione di una porta di accesso alla banca e un grosso foro praticato in una parete in cartongesso che immette all’interno dell’istituto di credito. Nello stesso istante, i poliziotti hanno notato un individuo con una valigetta in mano che scendeva frettolosamente le scale che conducono a uno spiazzo sottostante.

Subito è scattato l’inseguimento: il rapinatore in fuga getta la valigetta dentro una Fiat Multipla, sale a bordo, allontanandosi in tutta fretta, ma è stato subito raggiunto e arrestato dalle volanti insieme con un complice che si era allontanato a piedi e si era nascosto dietro un’auto in sosta.

All’interno della valigetta sono stati rinvenuti e sequestrati piccozze, torce, passamontagna e altri attrezzi da scasso. Per entrambi sono stati disposti gli arresti domiciliari in attesa della convalida dell’arresto da parte del gip.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.