Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 23 agosto 2017

Pubblicato: 03/09/2015

"Alfano e Ncd a un bivio"

Il coordinatore di Forza Italia, Gibiino, pronto a definire la linea politica degli azzurri in Sicilia con Toti e Berlusconi: "Scelga se restare nella casa dei moderati o se cambiare il nome del partito in Nuovo Centrosinistra"

CATANIA - Il coordinatore regionale di Forza Italia, Vincenzo Gibiino, attacca gli ex compagni di partito confluiti n Ncd.

“Con l'invito alla Festa de l’Unità di Palermo, al quale hanno fatto seguito le dichiarazioni del segretario siciliano del Pd Fausto Raciti, che vedrebbe di buon occhio l’ingresso del Nuovo Centrodestra nella giunta di Rosario Crocetta, il partito di Angelino Alfano si trova oggi ad un bivio, dovendo scegliere se rimanere coerentemente all’opposizione di un esecutivo regionale sino ad oggi avversato, insieme a Forza Italia, o se abbandonare definitivamente la casa dei moderati, conquistando qualche poltrona a Palazzo; manovra che però comporterebbe conseguenzialmente e definitivamente il nome del loro partito in Ncs (Nuovo Centrosinistra)". 

"Le politiche inconcludenti del governo PD-Crocetta vanno avversate con decisione e concretezza – prosegue Gibiino –. Forza Italia Sicilia rimane in prima linea all’opposizione, proponendo soluzioni sagge a scelte a dir poco sconclusionate. In calendario per il coordinatore azzurro l'incontro domani con Giovanni Toti consigliere politico del Presidente Berlusconi e la prossima settimana quello con il presidente Silvio Berlusconi a Palazzo Grazioli”.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.