Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 22 novembre 2017

Pubblicato: 28/08/2015

Soccorsi altri 1.430 migranti

Nelle ultime 24 ore la guardia costiera Ŕ stata impegnata in 10 operazioni in mare: tra i profughi anche due cadaveri

ROMA - Sono circa 1.430 i migranti soccorsi ieri nel corso di 10 distinte operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera a Roma del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Lo rende noto un comunicato della Guardia Costiera.

I migranti - precisa - viaggiavano a bordo di gommoni e barconi in difficoltà al largo delle coste libiche e le operazioni di salvataggio hanno visto operare numerose unità della Guardia Costiera, tra le quali le motovedette CP302 e CP320 di Lampedusa, che hanno soccorso due gommoni con a bordo rispettivamente 135 e 134 migranti (dei quali 42 donne e 6 bambini), nonché la motovedetta CP291 - anch'essa della Guardia Costiera di Lampedusa - che ha soccorso un gommone con a bordo 103 migranti.

Inoltre, Nave Corsi CP906 della Guardia Costiera ha soccorso ulteriori 4 gommoni, inizialmente assistiti dall'unità Sea Watch, salvando complessivamente circa 454 migranti, parte dei quali, al termine delle operazioni sono stati trasbordati su Nave Diciotti CP941 della Guardia Costiera.

Quest'ultima, ancora, impegnata in concomitanti operazioni di soccorso, ha inizialmente tratto in salvo 113 migranti (dei quali 6 donne e 107 uomini) a bordo di un gommone e, successivamente, ha imbarcato i 370 migranti che si trovavano a bordo di un barcone precedentemente soccorso da Nave Grecale della Marina Militare.

Alle operazioni ha preso parte anche un mercantile straniero dirottato dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera di Roma, il quale ha soccorso un barcone con 125 migranti - tra i quali anche bambini e donne incinte, tutti successivamente trasbordati a bordo di un'unità della Guardia di Finanza -e i corpi esanimi di due migranti, in seguito trasbordati a bordo di Nave Diciotti della Guardia Costiera.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.