Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 23 ottobre 2017

Pubblicato: 11/08/2015

Prova a investirlo, poi le mazzate

Riposto. Vecchi dissapori e una denuncia per aggressione alla base del tentato omicidio sul molo Costanzo

CATANIA - Sembra che alla base della brutale aggressione ci siano vecchi dissapori per una denuncia presentata nel dicembre scorso dalla vittima contro l’aggressore colpevole, secondo la vittima, di avergli causato delle lesioni personali. Tutto è successo ieri sera, intorno alle 19, al molo Costanzo di Riposto (Ct), quando il 39enne Alfonso Orazio Vincenzo, a bordo del proprio Fiat Fiorino ha puntato dritto verso il "nemico" di 35 anni che, accortosi delle intenzioni dell’uomo, è riuscito miracolosamente a scansare l’auto.

Fallito il tentativo di travolgere la vittima designata, Alfonso è sceso dall’auto urlando contro il malcapitato: "Ora vai dai carabinieri, sbirro! Questo è per te".

Poi ha imbracciato un mazza da baseball sferrando alcuni colpi alla testa ed alle braccia del rivale. Nel frattempo, alcuni testimoni della scena hanno immediatamente avvertito il 113, al loro arrivo i militari dell'Arma hanno arrestato l’uomo che nel frattempo era fuggito.

La vittima è stata trasportata all’Ospedale di Acireale (CT) dove i medici, dopo averlo curato, hanno preferito tenerlo sotto osservazione per tutta la notte. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza con le accuse di tentato omicidio e violenza privata




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.