Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 26 luglio 2017

Demopolis, consumatori attenti alla qualità del cibo


Appaiono sempre più attenti i consumatori siciliani alle questioni che riguardano la qualità del cibo e la sicurezza alimentare: sono questi i dati emersi dall’indagine dell’Istituto Demopolis effettuata su un campione di navigatori dei siti lasicilia.it e lasiciliaweb.it dal 24 settembre al 5 ottobre 2008.

Il tema della qualità del cibo e delle sue conseguenze sulla salute, amplificato dai numerosi e recenti scandali alimentari, rappresenta motivo di profondo interesse per quasi 9 siciliani su 10. L’interesse cresce ulteriormente tra le donne e tra la fascia di età compresa tra i 35 ed i 54 anni.

Nelle scelte di acquisto dei prodotti agroalimentari, accanto alla variabile costo (73%), molto condizionante in tempi di crisi, incidono la qualità (64%), la provenienza geografica del prodotto (57%), le informazioni contenute sulle etichette (30%) ed il contenuto calorico e di grassi dei prodotti alimentari (26%). Consuetudine, quest’ultima, maggiormente praticata dalle donne e dagli under 35.

Per ciò che riguarda la soddisfazione dei siciliani intervistati online sulla qualità dei prodotti agro-alimentari si segnala, nell’Isola, una maggiore soddisfazione rispetto ai consumatori italiani: è il 70% degli italiani a dichiararsi pienamente soddisfatti della qualità dei prodotti acquistati per il consumo familiare; percentuale che sale tra gli utenti siciliani della Rete (77%).

Maggiori preoccupazioni e dubbi, invece, vengono rilevati quando si fa riferimento alla possibilità che i prodotti acquistati possano essere stati trattati chimicamente: su questo specifico argomento oltre 8 intervistati su dieci mostrano serie preoccupazioni per le conseguenze sulle salute. Con una simile percentuale (87%), i siciliani hanno dichiarato che i criteri di allevamento degli animali possa compromettere la qualità del cibo che arriva sulla propria tavola.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.