Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 28 agosto 2016

Tutti a scuola tra il 7 e il 16 settembre

I primi a tornare in classe gli studenti dell'Alto Adige, gli ultimi i pugliesi e i veneti

ROMA - I primi a tornare in classe saranno, come di consueto, gli studenti dell'Alto Adige per i quali la prima campanella del nuovo anno scolastico (2015-16) suonerà il 7 settembre. Due giorni dopo, il 9 settembre, si rimetteranno lo zaino in spalla i ragazzi del Molise e il 10 è previsto il rientro degli alunni trentini.

Nella maggior parte delle Regioni le lezioni riprenderanno tra il 14 (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Friuli, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Umbria e Valle d'Aosta) e il 15 settembre (Emilia Romagna, Lazio e Toscana). Ultimi a tornare tra i banchi, il 16 settembre, pugliesi e veneti.

Alcune Regioni, come ad esempio la Toscana e il Lazio, l'anno scorso hanno deciso di rendere pluriennale il calendario. In sostanza, le date di inizio e fine lezioni saranno sempre le stesse, con slittamento o anticipo al primo giorno lavorativo successivo o precedente se la data scelta è un sabato o un festivo. Un'iniziativa presa per consentire di programmare e pianificare per tempo sia l'organizzazione delle scuole sia quella delle famiglie.

Rispetto ai calendari deliberati dalle giunte regionali, tuttavia, le singole scuole, in virtù dell'autonomia scolastica, potranno scostarsi dalle date indicate per esigenze legate alla propria organizzazione.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo č necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, č possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso č necessaria la verifica, basterā cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.