Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 27 giugno 2017

Pubblicato: 30/07/2015

Sequestro ad affiliato Santapaola

Provvedimento della Dia di Catania: sigilli al patrimonio di Roberto Morabito, del gruppo di Picanello, per un valore di 500 mila euro

CATANIA - Beni mobili e immobili per un valore di oltre 500 mila euro sono stati sequestrati dalla Direzione investigativa antimafia (Dia) di Catania a Roberto Morabito, ritenuto contiguo al clan Santapaola del gruppo di Picanello. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale.

Morabito, già condannato in via definitiva il 10 giugno del 2013 dalla seconda sezione del Tribunale di Catania per tentativo di omicidio e per una serie di rapine commesse tra Catania e alcune città della Toscana, è stato condannato alla pena complessiva di nove anni e otto mesi di reclusione per estorsione, usura e installazione di apparecchiature atte a intercettare e impedire conversazioni telegrafiche e telefoniche.

I beni sequestrati sono una elegante villa nel centro cittadino, due autovetture di grossa cilindrata e rapporti bancari. Le indagini di natura economico-finanziaria e patrimoniale, delegate dalla locale Dda, condotte dal centro Dia di Catania, hanno evidenziato profili sperequativi tra i redditi dichiarati e il patrimonio posseduto da Morabito e dai suoi familiari tali da fondare la presunzione, accolta dal Tribunale, di una illecita acquisizione patrimoniale.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.