Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 26 settembre 2017

Pubblicato: 28/07/2015

Tredici migranti morti sul barcone

Nuova tragedia al largo delle coste libiche. Nelle ultime 24 ore salvati 1.800 profughi in cinque diverse operazioni

ROMA - Tredici cadaveri di migranti sono stati recuperati nel pomeriggio di ieri su un barcone diretto verso l'Italia, raggiunto da mezzi di soccorso al largo delle coste della Libia. Sullo stesso barcone vi erano altri 522 migranti che sono stati tratti in salvo. Le cause di questa nuova tragedia, che allunga ulteriormente la serie delle vittime delle migrazioni verso il nostro paese, non sono ancora state chiarite.

L'intervento di soccorso era stato coordinato dalla centrale operativa di Roma della Guardia costiera che, ricevuta una richiesta di intervento, aveva inviato in direzione del barcone la nave Le Niam, della Marina militare irlandese, inquadrata nel dispositivo Triton. L'equipaggio della nave irlandese ha recuperato così i migranti, scoprendo però anche i tredici cadaveri.

L'intervento è stato uno dei cinque realizzati ieri nelle acque del Canale di Sicilia; il bilancio complessivo è di 1.810 persone tratte in salvo. Tutte le operazioni sono state coordinate dal centro nazionale soccorsi della Guardia costiera. Ai soccorsi, oltre alla nave della Marina militare irlandese, hanno partecipato due unità di Medici senza frontiere e un pattugliatore svedese.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.