Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 25 luglio 2016

Visite specialistiche, prenotazioni in farmacia

Nuccio Sciacca / 
Accordo con Federfarma: parte il Garibaldi, a breve si aggiungerà l’Asp

Quattro dal 1° agosto, quasi trecento dal 1° settembre. Sono le farmacie di Catania e provincia dove sarà possibile, saltando il Centro di prenotazione telefonica, prenotare una visita specialistica o gli esami diagnostici prescritti dal medico di famiglia. "Alaimo di Nesima, Merlo di piazza Santa Maria di Gesù, Viene di piazza Duomo e Poggio Lupo sono le prime quattro farmacie dove sperimentalmente partirà questo servizio – ha annunciato in Sala Dusmet al Garibaldi Centro, il direttore generale, Giorgio Santonocito – successivamente toccherà alle 290 farmacie cittadine e della provincia senza contare che il progetto è stato già acquisito dall’Asp che lo metterà presto a disposizione dei propri utenti".

Era presente del resto il prossimo direttore generale dell’Asp, già nominato e ancora per poco direttore sanitario del Garibaldi, Giuseppe Giammanco. Apprezzamento è stato espresso dal sindaco Enzo Bianco, che ha voluto sottolineare l’ampliamento dei servizi al cittadino, e dal presidente regionale di Federfarma, Gioacchino Nicolosi, che ha definito le farmacie "presidi di salute e di servizi".

Il servizio si è reso possibile grazie agli strumenti finanziari dei programmi europei di ricerca e innovazione nell’ambito del Por Sicilia 2007/2013, in attuazione delle previsioni dell’Agenda digitale italiana: Federfarma Catania ha elaborato un sistema di prenotazione di servizi sanitari, come visite ambulatoriali o accertamenti diagnostici, che senza generare oneri a carico della pubblica amministrazione garantisce una straordinaria rete di farmacie capillarmente presenti nel territorio della provincia di Catania.

"Abbiamo subito capito – ha proseguito Santonocito – che si tratta di un progetto importantissimo non soltanto per la nostra azienda, ma per l’intera regione. Siamo sicuri infatti che, in breve tempo, anche altre realtà locali aderiranno all’iniziativa, con un notevole progresso in termini di efficienza. Da oggi i cittadini potranno avere un approccio più diretto e concreto con l’ospedale, superando agevolmente il problema delle lunghe attese e dell’accesso ai servizi. In realtà, si tratta di un sistema che ho già attivato a Caltanissetta da commissario dell’Asp nella primavera del 2014, con risultati promettenti in tutta la provincia nissena. Per questa ragione mi sembra rilevante replicare su Catania un’esperienza tanto positiva".

Nella foto: da sn Nicolosi, Bianco e Santonocito






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.