Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 20 agosto 2017

Pubblicato: 15/07/2015

Blitz antidroga, 11 misure cautelari

Operazione Bazar. Fermato traffico di stupefacenti fra Licata, Canicattì e San Cataldo. Giovani pusher vendevano una dose di eroina a 30 euro. All'interno tutti i nomi

LICATA (AGRIGENTO) - Undici misure cautelari - sei arresti domiciliari e cinque obblighi di dimora - sono state eseguite all'alba di stamane dai carabinieri nell'Agrigentino, fra Licata e Canicattì, e nel Nisseno, a San Cataldo, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. I provvedimenti sono stati emessi dal gip del tribunale di Agrigento nell'ambito di una indagine su un presunto giro di sostanze stupefacenti, soprattutto eroina.

L'operazione, denominata "Bazar", è scattata per fermare un fiorente traffico di stupefacenti a Licata, dove, secondo quanto ricostruito dalla Procura di Agrigento, si era formato un nuovo gruppo di giovani pusher, con a capo un pregiudicato di San Cataldo, il quale, con la complicità di altri soggetti, faceva giungere a Licata stupefacenti da Palermo e dalla vicina Canicattì, droga che veniva piazzata sul mercato di Licata.

Una dose di eroina, sul "mercato" di Licata, veniva piazzata al costo di 30 euro. Il fornitore dello stupefacente, secondo quanto viene ricostruito dalla Procura di Agrigento, sarebbe stato Giuseppe Tinnirello di Palermo. L'inchiesta "Bazar" è stata portata avanti, durante tutto il 2012, dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Licata.

Gli indagati posti ai domiciliari sono Giampiero Arrostuto, Giuseppe Tinnirello, Faouzi Ben Habit Mejri, Giusy Manuela Angileri, Gisella Angileri. Obbligo di dimora, con divieto di allontanarsi dall'abitazione dalle 21 alle 7 del mattino per Rosario Consagra, Antonio Montana, Vincenzo Bugiada, Diego Pelonero, Melchiorre Salvatore Alabiso e Salvatore Paraninfo.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.