Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 25 luglio 2016

Ospedale Garibaldi assiste volleiste dei Mondiali

Nuccio Sciacca / 
Stilato accordo per il World Grand Prix che si svolge a Catania fino al 18 luglio

Gli eventi sportivi hanno, soprattutto quelli mondiali, grande risonanza e seguito popolare, ma dei risvolti funzionali, organizzativi e logistici che non sono a tutti noti. Dietro quello che è uno dei momenti sportivi più importanti che si svolgono in Italia durante l’anno in corso, il "Volleyball World Grand Prix 2015", che si terrà a Catania dal 16 al 18 luglio, c’è ad esempio un attento percorso di sicurezza sanitaria e di prevenzione da parte dell’Azienda Ospedaliera Garibaldi di Catania.

E' stata la sala Dusmet del presidio Garibaldi-Centro, a ospitare, infatti, la firma della convenzione per l’assistenza alle atlete delle nazionali che parteciperanno ai campionati. L’accordo tra il Comitato organizzatore dei campionati mondiali e l’Arnas Garibaldi prevede specifici percorsi di diagnosi e cura in emergenza nonché una postazione fissa, seguita da operatori sanitari, all’interno del palazzetto e per tutta la durata dei giochi.

Alla firma della convenzione, sottoscritta dal direttore generale dell’Arnas Garibaldi, Giorgio Santonocito, e dal presidente regionale della Fipav, Enzo Falzone, erano presenti anche l’assessore allo sport del Comune di Catania, Valentina Scialfa e il responsabile dei grandi eventi internazionali della Fipav, Marco Carpameto.






Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.