Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 21 agosto 2017

"Lavoriamo a piano di rientro, ma l'emergenza resta"


PALERMO - "Un piano di rientro triennale è quello che stiamo cercando di fare. Quest'anno stiamo lavorando sui 300 milioni di euro, che chiudono il bilancio 2015. Abbiamo fatto parecchie poste straordinarie che non potremo utilizzare l'anno prossimo nella stessa misura. Diciamo che l'emergenza per il 2016 diciamo è, se non maggiore, uguale al 2015. L'emergenza rimane", ha detto l'assessore regionale all'Economia Alessandro Baccei, ai cronisti, a palazzo Chiaramonte a Palermo, dopo i rilievi mossi dalle sezioni riunite della Corte dei conti in Sicilia sui documenti contabili del 2014.

La Corte ha auspicato un piano di rientro triennale dal momento che il deficit ammonta a circa 8 miliardi di euro, da concordare con il governo centrale. Poi ai cronisti che chiedevano un commento sulla spesa sanitaria in Sicilia, che incide per il 46% sulla spesa totale della Regione e ammonta a 9 miliardi  800 milioni e ha fatto registrare un aumento di 615 milioni rispetto al 2013, Baccei ha detto: "Non mi occupo di spesa sanitaria, se ne occupa l'assessorato alla Salute. Di fatto la sanità è in utile. Si può fare di meglio".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.