Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 10 dicembre 2016

Tecniche mini-invasive a Catania e Cefal¨

Nuccio Sciacca / 
Eseguite al policlinico etneo e all'ospedale del Palermitano tre procedure percutanee per trattare gli aneurismi addominali

Collaborazione intraregionale per utilizzo di nuove tecniche mininvasive per interventi in chirurgia vascolare, particolarmente complessi, come il trattamento dell’aneurisma dell’aorta addominale. Le equipe impegnate sono il "San Raffaele Giglio" di Cefalù e il Policlinico universitario di Catania.

"L’aneurisma dell’aorta addominale è una patologia ad altissimo rischio – spiega il dottor Vittorio Virgilio, chirurgo vascolare e direttore generale dell’ospedale di Cefalù - la tecnologia permette, oggi, di intervenire anche su pazienti anziani che altrimenti non potrebbero essere trattati per via tradizionale potendo andare incontro a conseguenze irrimediabili in caso di rottura dell’aneurisma".

Tre interventi di dilatazione dell’aorta addominale, su pazienti in età avanzata, una media di 80 anni, sono stati effettuati con accesso percutaneo dai vasi femorali e in anestesia locale. Una procedura eseguita in sala emodinamica ed ecoguidata. "Tecnologie avanzate e grandi professionalità consentono alla nostra struttura - prosegue Virgilio – di offrire una sanità d’eccellenza, efficace, che riduce i rischi e i tempi di ricovero in ospedale, questo in linea con l’evoluzione della sanità moderna".

Le nuove procedure sono state attuate grazie alla collaborazione avviata con Pierfrancesco Veroux, direttore della chirurgia vascolare e Centro trapianti del Policlinico etneo e direttore della scuola di specializzazione in chirurgia vascolare. I trattamenti sono stati eseguiti in equipe con i chirurghi vascolari Mauro Scialabba e Leonildo Sichel.

"Solo ospedali – ha sottolineato Veroux - che hanno un'alta tecnologia, professionalità e un'alta disponibilità di dispositivi possono eseguire questi trattamenti per via percutanea". Il trattamento avviene in circa un’ora. Viene introdotta, per via percutanea, dai vasi femorali, una endoprotesi che va a escludere la zona aneurismatica impedendone la futura rottura e ripristinando il flusso sanguigno.

Quindi la successiva chiusura degli accessi esterni con avanzati sistemi percutanei. Il che evita incisioni chirurgiche e aumento dei giorni di ospedalizzazione nonché sintomi dolorosi per il paziente. Il risultato è minore invasività, maggior comfort per il paziente, minor dolore post operatorio. La ripresa funzionale è rapida e la dimissione avviene nelle 24 ore successive alla procedura chirurgica.






Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.