Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 18 novembre 2017

Pubblicato: 12/06/2015

"In Sicilia accolti 16.500 migranti"

Presentato a Catania il rapporto Caritas sull'immigrazione: "L'Isola ne riceve almeno quattro volte in più delle altre regioni. In Italia l'assenza di un piano ha prodotto emergenza e malaffare"

CATANIA - "L'Italia paga la mancanza di un piano di accoglienza per chi chiede protezione internazionale - protezione sussidiaria, asilo e protezione umanitaria - non previsto dalla legge Bossi-Fini: una carenza che ha prodotto solo emergenza e malaffare". A Catania il direttore generale della Fondazione Migrantes Mons. Gian Carlo Perego ha presentato il XXIV Rapporto Immigrazione 2014 realizzato da Caritas e Migrantes.

"La Sicilia sta accogliendo 16.500 persone, 260 ogni 100 mila abitanti, contrariamente al Veneto e alla Lombardia, che ne stanno accogliendo 60 ogni 100mila abitanti - ha aggiunto Perego -. L'Isola ne accoglie almeno quattro volte in più rispetto ad altre regioni italiane. Mons. Perego ha esposto i dati sugli stranieri residenti in Sicilia, regione tra quelle meridionali, dopo la Campania, con la maggiore quota nazionale di stranieri sulla popolazione (3,3%). Sull'Isola rispetto all'anno scorso è aumentato il numero degli stranieri residenti: da circa 140 mila sono salite a 162.408 le presenze rilevate al 1° gennaio 2104, cifra che corrisponde al 3,2% della popolazione regionale, ovvero al 31,7% del loro totale presente nelle regioni del Sud".

"Palermo (20,3%), Catania (18%), e Messina (17,0%) si confermano le città con la maggiore concentrazione di cittadini stranieri. Rimane stabile la presenza delle donne che si attesta al 50,3%, e si diversificano le nazionalità visto che oltre alla storica presenza dei tunisini (17.876), aumenta il numero di romeni (48.014), marocchini (14.398), e cingalesi (13.554). L'incidenza della forza lavoro di cittadini stranieri nel 2014 rappresenta il 5,4% del totale regionale degli occupati (70.823 lavoratori) stando alle fonti Istat. E provengono da Romania (32,5%) Tunisia (11,7%) Sri Lanka (8,4%) e Marocco (8,1%). Quanto alle rimesse, strumento importante per la cooperazione dello sviluppo, sono in calo del 21%, dato che rivela la precarietà e della disoccupazione in cui versano i cittadini stranieri della Sicilia".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.