Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 26 settembre 2016

Prevenzione ginecologica all’ospedale di Cefalù

Nuccio Sciacca / 
E’ uno dei nosocomi italiani con “bollino rosa”, il 29 maggio saranno effettuate visite gratuite

L’ospedale di Cefalù è attento alla salute femminile. Lo riconosce Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna), che dal 2007 premia con l’assegnazione dei Bollini Rosa gli ospedali italiani che offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, riservando particolare attenzione alle specifiche esigenze dell'utenza rosa. Il Network è composto da 230 ospedali dislocati in tutta Italia.

La Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù con l'unità operativa di ostetricia e ginecologia ha aderito alla 14esima Giornata Nazionale del Sollievo e al terzo H-Open day. Le iniziative programmate all'ospedale di Cefalù si terranno venerdì 29 maggio dalle ore 10 alle ore 14.

In questa giornata, previo colloquio con uno specialista, le pazienti affette da dolore pelvico cronico potranno effettuare gratuitamente, visita ed ecografia ginecologica. E' anche possibile prenotare chiamando lo 0921.920642.

Non occorre l'impegnativa - prescrizione del medico di famiglia. Verrà allestito, inoltre, nell'area d'ingresso dell'ospedale, un info point dove sarà possibile confrontarsi con lo staff medico dell'unità di ginecologia e ostetricia.

All'iniziativa partecipano oltre 100 ospedali italiani del network "Bollini Rosa", "vicini alle donne". All'ospedale di Cefalù sono stati assegnati, dall'Osservatorio Onda, due bollini rosa.






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.