Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 27 maggio 2016

Una scatola nera anche in sala operatoria

Nuccio Sciacca / 
SarÓ la traccia medico-legale del chirurgo per registrare tutto quello che accade durante un intervento

Una scatola nera, come quella degli aerei, in sala operatoria, che registra tutto quello che accade sotto gli occhi del chirurgo. "A vantaggio della didattica, della trasparenza, e anche come traccia medico-legale". A descrivere l'utilizzo di un prototipo di videocamera frontale in chirurgia e nella microchirurgia tiroidea è Andrea Ortensi, direttore dell’Unità operativa di Microchirurgia generale Casa di cura Fabiana Mater di Roma che ha illustrato l'iniziativa in un incontro a Roma.

"L'idea - spiega Ortensi - nasce dall'esigenza di maggiore trasparenza e di tutela sia del paziente sia del chirurgo. Volevamo far capire a scienziati e medici, ma anche ai cittadini, cosa accade sotto gli occhi del chirurgo. Finora la videocamera fissa o l'operatore in sala registravano i movimenti, ma non li mostravano nel dettaglio, con eventuali ingrandimenti, tracciando anche l'evoluzione dell'operazione in tempo reale".

Così, anche guardando alle videocamere per sportivi ora tanto in voga, il medico ha pensato a una videocamera frontale applicata "con un caschetto sulla fronte di chi opera": una sorta di 'terzo occhio' che permette agli assistenti di visualizzare i movimenti del chirurgo, ma anche di tracciare l'intervento attimo per attimo, per garantire anche maggiore trasparenza dal punto di vista medico legale.

"Inoltre la videocamera frontale può rappresentare, a livello didattico, una grande opportunità per gli studenti", rileva il chirurgo. La 'scatola nera' è stata così adottata per "gli interventi più importanti e nel caso dei tumori alla tiroide. Usiamo un prototipo unico, che consente gli ingrandimenti necessari per la microchirurgia e pesa 300 grammi, dotato di un sistema anti-vibrazione e di uno zoom attivabile sia manualmente che con un pedale", dice Ortensi.

"Sul versante della responsabilità professionale, inoltre, la videocamera consente di ricostruire i fatti in maniera oggettiva, tutelando sia i pazienti che i professionisti". Il prototipo, assicura l'esperto, potrà essere utilizzato in tutti i settori della chirurgia.






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.