Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 20 febbraio 2017

Precari del Bellini, l'ultima protesta

I lavoratori del teatro catanese hanno occupato la buca d'orchestra per chiedere la stabilizzazione: "Non c'è la finanziaria, da domani siamo tutti a casa. E siamo senza stipendio da tre mesi"

CATANIA - I lavoratori precari del teatro lirico Massimo Bellini di Catania stamane hanno occupato la buca d'orchestra del teatro per chiedere la stabilizzazione. Lo ha reso noto il sindacato nazionale autonomo lavoratori e vertenze (Snalv), aderente alla Confsal, aggiungendo che alla protesta si sono uniti anche i lavoratori stabili del Bellini perché non ricevono lo stipendio da circa 3 mesi.

"Ancora una volta infatti - afferma la nota - le promesse fatte sono state disattese e non solo i lavoratori precari da oltre 20 anni non completeranno il mese di marzo come era stato loro assicurato, non hanno neanche ricevuto lo stipendio di febbraio".

"Ieri sera - afferma uno dei precari, Salvo Agosta - abbiamo avuto un incontro con il direttore amministrativo che ci ha detto che dal 19 non dobbiamo venire più perché la finanziaria regionale non c'è ancora e non ci sono i soldi per pagarci".

"Sono vicino ai lavoratori che hanno sempre ricevuto il sostegno di tutti - dice il segretario regionale Snalv-Confsal Antonio Santonocito - ma in realtà non sono aiutati da nessuno. Lo ribadiamo, hanno maturato il diritto al contratto a tempo indeterminato già tanti anni fa".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.